FLEBOTERAPIA E VARICI – TRAP

RINGIOVANISCI LE TUE GAMBE CON LA TRAP

QUESTA TERAPIA (ORMAI AFFERMATA NONOSTANTE I VARI BOICOTTAGGI) È ATTA AD ESCLUDERE INTERVENTI CHIRURGICI, LASER, SCLEROTERAPIA E ALTRI METODI COSTOSI E NON RISOLUTIVI.

Con questo trattamento si ripristina una corretta circolazione degli arti inferiori riducendo sensibilmente varici, capillari, macchie, pesantezza e gonfiore e donando alle gambe un aspetto giovanile e sano.

Un metodo innovativo per il trattamento delle vene varicose e le teleangectasie (capillari dilatati) è la FLEBOTERAPIA RIGENERATIVA TRIDIMENSIONALE AMBULATORIALE (TRAP). Questa metodica iniettiva non oblitarativa agisce sulle pareti dei vasi del circolo perforante e superficiale. E’ una cura della malattia varicosa, che rinforza e rigenera la parete delle vene, venule, e teleangectasie capillari.

Fleboterapia Rigenerativa Tridimensionale (TRAP) nuovo trattamento della malattia varicosa

CAUSA DELLA MALATTIA VARICOSA

La TRAP si basa sull’ipotesi che la causa più frequente delle vene varicose e teleangectasie degli arti inferiori derivi dall’indebolimento della parete delle vene perforanti (vasi che mettono in comunicazione il circolo profondo con quello superficiale) e della conseguente incontinenza delle valvole che, all’interno di queste vene, sono preposte ad evitare il reflusso del sangue dal circolo profondo a quello periferico. L’incontinenza valvolare provoca un aumento della pressione dei vasi superficiali, che si dilatano.

CONSEGUENZE DELL’IPERTENSIONE EMODINAMICA DEL CIRCOLO SUPERFICIALE

L’ipertensione emodinamica è più evidente nei vasi che hanno la struttura anatomica meno resistente. Se le vene reticolari nell’area soggetta ad una pressione anomala diventano facilmente ectasiche, è più difficile che si formino teleangectasie capillari. Al contrario, se le vene reticolari hanno una parete più resistente alla ipertensione emodinamica, si formano fitte reti di teleangectasie . Teleangectasie si formano anche quando le vene ectasiche non riescono più ad assorbire il rapido incremento di pressione causato dalla contrazione muscolare e si possono formare dopo scleroterapia o chirurgia ablativa per le modifiche emodinamiche provocate da queste metodiche. L’insufficienza valvolare può avere molte manifestazioni cliniche ma, quello che è evidente, è che le vene ectasiche visibili a occhio nudo o con la transilluminazione, di cui la TRAP si avvale, sono dovute al sangue che scappa dal circolo profondo. I vasi ectasici quindi costituiscono la valvola di sfogo dell’ipertensione emodinamica. Se noi riduciamo questa rete vascolare dilatata, senza trattare la causa anatomica, cioè l’insufficienza delle vene perforanti, la pressione sul circolo superficiale residuo aumenterà e si formeranno nuove varici.

METODO TRAP

Per rinforzare la parete, ridurre il calibro delle vene e ripristinare la continenza valvolare iniettiamo in tutti i vasi visibili ad occhio nudo e con la trans illuminazione, una soluzione non obliterativa, in quantità sufficiente a raggiungere le vene perforanti.

L’efficacia del trattamento è dimostrata dalla scomparsa alla vista di tutti i vasi del circolo superficiale. L’arto è diviso in tre regioni funzionali: la regione mediale, posteriore e laterale.

Dalla Scleroterapia e dalla Chirurgia Ablativa alla Fleboterapia (TRAP)

La prima regione ad essere iniettata è la regione mediale del piede, del polpaccio e della coscia, poi si inietta la regione posteriore, poi quella laterale. L’operatore inizia ad iniettare i vasi ectasici del piede, poi, dal basso verso l’alto, si iniettano tutti i vasi visibili ad occhio nudo e con la trans illuminazione: vene reticolari, vene perforanti, vene tronculari, venule e teleangectasie.

Terminata l’iniezione della quantità prestabilita di soluzione, il paziente rimane sul lettino per circa 2 minuti Poi è bendato o indossa le calze elastiche. Le calze elastiche dovranno essere indossate per tutta la durata del trattamento e fino ad un mese dopo la fine della terapia. Per motivi emodinamici è trattato un solo arto per volta.E’ infatti necessario raggiungere la continenza valvolare nel più breve tempo possibile per evitare che l’ipertensione anomala, ancora presente nelle aree non trattate, possa rallentere il ripristino funzionale delle aree iniettate. L’efficacia del trattamento è valutabile con la scomparsa dei vasi del circolo superficiale e con la persistenza nel tempo del risultato. Con la soluzione non obliterativa della fleboterapia rigenerativa tridimensionale ambulatoriale gli effetti collaterali sono irrilevanti.

FLEBOTERAPIA TRAP

costi:
80 € a seduta

numero sedute:
2 / 3 per arto

note:
da evitare nel periodo estivo

Servizi

PER SAPERNE DI PIÙ…

Start typing and press Enter to search